Contattateci

Se hai segnalazioni o curiosità inerenti Roma, scrivici all'indirizzo: info@urbanfile.org

sabato 11 ottobre 2014

Complesso residenziale di via Marco Polo

Qualche foto che documenta lo stato dei lavori in via Marco Polo, dove ItalianaCostruzioni sta edificando tre palazzine dai 4 ai 5 piani nel punto in cui prima c'era uno spazio di terra abbandonato.

Si trattava di uno degli ultimi lembi della zona ancora non urbanizzati.

Le palazzine non sono dei capolavori, ma, rispetto a quello che si vedeva nei rendering, il risultato sembra al di sopra delle aspettative.  








6 commenti:

Anonimo ha detto...

concordo ,meglio i palazzi della magliana, del tufello o del tuscolano, quelli si che sono capolavori;
il tuo livello è veramente mediocre

Dotti ha detto...

Quindi se dei palazzi sono brutti, tutto il resto a confronto deve essere bello?

Interessante filosofia. Kant che incontra la Tuscolana.

Ci tengo a precisare, per l'ennesima volta, che negli articoli ci sono delle considerazioni personali. Non sono il custode della verità assoluta, esprimo le mie opinioni con rispetto però.

Daniele ha detto...

Dotti, è vero quello che dici. In confronto alla media di quello che si fa queste palazzine sono un po' meglio ma ecco... giusto un po'.
Per il resto hanno tutti i difetti dell'edilizia romana:

1 - intanto la tipologia a palazzina che frammenta l'edificato senza dare forma alla città, il vero cancro dell'urbanistica di questa città
2 - la mancanza di un fronte su strada che per forza di cose renderà senza vita il nuovo marciapiede in quanto privo di attività commerciali e/o servizi
3 - i giardini al piano terra. Ma io dico: perché chi compra una casa in pieno centro ha bisogno di un giardinetto. Ma voi l'avete mai vista una casa al piano terra con giardino a montparnasse o nella city di londra??? ti giuro è una cosa che quando ci penso mi fa diventare pazzo!
4 - I grandi terrazzi che l'acquirente romano medio chiede non tanto per cenarci l'estate, ma per usarli come deposito (biciclette, scatoloni del presepe, tappeti arrotolati, secchio dell'umido, lettiera del gatto, etc...) Io non sono contro i terrazzi ma a Roma se ne fa un uso davvero improprio col risultato di rendere sporche e disordinate le facciate.
5 - il fatto che quei terrazzi siano curvi. Non ho mai capito il perché di questa ossessione tutta romana per il terrazzo "sinuoso", ma forse è solo un retaggio della nostra mentalità barocca.
6 - i tettini spioventi in una città che per le specificità climatiche avrebbe più bisogno di un terrazzo condominiale (da usare come stenditoio/solarium) che di una mansardina sottotetto.
7 - i vasconi prefabbricati per le piante che, essendo fissi, rimarranno anche se l'inquilino non dovesse amare le piante con il controproducente risultato di rimepirsi di erbacce incolte.
8 - Infine, cosa più grave, il fatto che si continuino a costruire edifici residenziali di scarsa qualità tecnologica/ambientale, senza integrazione impiantistica (per esempio gli stalli predisposti per le ventole dei condizionatori) e senza dispositivi climatici passivi (per esempio i brise-soleil a sud) quindi ecco che nel giro di qualche anno si riempiranno di scatolotti bianchi sotto le finestre e di tende parasole a righe bianche e verdi (brividi!) distruggendo definitivamente quel poco di grazia che avevano.

Insomma io mi sono divertito ad elencare alcuni aspetti come mi sono venuti in mente ma ce ne sarebbero molti altri che potrai aggiungere tu nei tuoi prossimi reportage. Il problema è che viviamo in una città esteticamente arretrata in cui l'edilizia residenziale è brutta ma è esattamente come la vogliono gli acquirenti. Se chiedi a una giovane coppia che deve comprare casa ti dirà che quelle palazzine che hai fotografato sono "carine" perché sono "mosse". Oppure si lamenteranno perchè non ci sono i "mattoncini" e quindi sono troppo "moderne" quindi brutte.



Danco ha detto...

Sto tizio commenta malamente ogni post sull'architettura da quando è stata pubblicata la giustissima critica sull'orrore dell'EUR, secondo me è veramente un parente dell'architetto...

Anonimo ha detto...

Lo speriamo per lui perché altrimenti sarebbe da rinchiudere!

Dotti ha detto...

Sono d'accordo con le perplessità sul progetto, purtroppo la zona meritava qualcosa di meglio, anche in considerazione del fatto che quell'area è un po' decentrata dai flussi pedonali e si poteva fare in modo di ravvivarla un po'.

Per quanto riguarda il disturbatore occasionale... mai una volta che argomenti in maniera seria le sue posizioni, per cui no comment, che è meglio :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...